AFT09

AFT09 parte dal modello base di AFT05K, cui viene aggiunta la sezione analogica. Quest’ultima viene implementata con una scheda National Instruments multifunzione e con una nostra interfaccia di protezione verso il dispositivo da collaudare.

Le risorse analogiche aggiuntive sono costituite da:

  • ingressi analogici in bassa tensione, programmabili sia in modalità differenziale che single end, con riferimento ad un punto comune con l'apparato da collaudare, per misurare tensioni, frequenze, valori RMS, max, min, ecc.
  • uscite analogiche in bassa tensione, in grado di generare forme d'onda programmabili

Nell'AFT09, inoltre, sono previsti fino a due alimentatori programmabili aggiuntivi, di semplice impostazione con il solito metodo tabellare della tensione richiesta dall'utente.

Normalmente, specie per produzioni di numeri rilevanti di apparati e per agevolare l'operatore, viene progettata, per ogni dispositivo da testare, una fixture, che consiste di un letto d'aghi, per collegare il dispositivo sotto test all'AFT09, e di una meccanica per agevolare la movimentazione.
Il collegamento delle risorse di macchina alla fixture viene effettuato mediante cavi esterni.

La programmazione di queste risorse aggiuntive rientra sempre nella filosofia della massima semplicità d'uso e della drastica riduzione dei tempi di stesura di un programma di collaudo.
Si possono programmare gli input in modo da ottenere l'acquisizione dei valori analogici nel momento voluto e, su questi campioni acquisiti, è possibile eseguire misure di frequenza, di RMS, di tensione, di valori max e min.
Le uscite analogiche si possono programmare per ottenere forme d'onda sinusoidali, squadrate, ecc., con frequenza ed ampiezza volute.
Con AFT09 vengono fornite innumerevoli opportunità di programmazione, con la possibilità di test simultaneo di due dispositivi e di esecuzione condizionata delle prove, ancora maggiore rispetto alle altre versioni.